L’Albero di gomma

Quest’anno è toccato ai pfu, ai pneumatici fuori uso e l’albero di natale come per magia diventa di gomma.
Quando pensi alla gomma, pensi sempre a qualcosa di morbido, a qualcosa che attutisce i rumori, … ai rimbalzi strani degli oggetti che la colpiscono.
Già il rimbalzo.
Il rimbalzo è strano, è imprevedibile, è divertente ma spesso è pericoloso, è pericoloso quando è associato all’indifferenza, al menefreghismo, a “ girarsi dall’altra parte “ in pratica “al me ne fotto “ .
Questo è il rimbalzo che non ci piace, non potevamo farci “ rimbalzare un natale normale “ , con un albero normale, quando oramai siamo circondati da rifiuti di ogni genere sparsi su una terra “ ex felix “ assuefatta a ogni tipo di veleno.

Ecco allora l’idea, (poco importa se originale , geniale o banale ) di raccogliere i pneumatici fuori uso e abbandonati lungo le strade di periferia per farne un albero di natale.

L’albero non è bellissimo e non è perfetto, non lo poteva essere, doveva avere per forza avere quel non so che di sporco, di approssimativo, considerata la provenienza non certamente nobile dei materiali.
Probabilmente a molti non piacerà, a qualcuno farà storcere il naso, a qualcun altro susciterà un sentimento di ilarità misto a indifferenza, si dirà che è un albero “ appezzottato “.
Beh poco importa, non era nelle nostre intenzioni fare un albero con le palle colorate da vetrina di chanel .
Il nostro è un albero che quando lo vedi “ ti rimbalza “ un messaggio positivo, ti parla.
Sono quei copertoni colorati che ti urlano la loro rabbia per essere stati abbandonati in una strada di campagna , destinati al solito rogo letale e pestilenziale per mano del piromanekiller di turno, ma che ora improvvisamente ti sorridono perché saranno destinati a nuova vita.

Una nuova vita che costa poco, smaltire un gomma di una macchina costa quanto un paio di caffè!
Questo è quello che vogliamo dire con “ l’albero dei copertoni “!

L’albero “ rimbalza “ grazie a:
Tutto il direttivo della pro loco che in due giorni con impegno, sacrificio,tanto lavoro ha sfidato il freddo e l’umidità facendosi un … come un copertone!
A Nunzio “ apecardriver “
Gennaro Criscuolo fornitura smalti.
Cartolibreria Koinè
Regalfer di Luigi Rega per la struttura
Piccolo Paradiso
Ai delinquenti che hanno abbandonato i pfu.

Buon Natale e felice anno nuovo a tutti.

Lascia un commento